Statuto

logoARTICOLO 1

E’ costituita un’Associazione denominata: “INSIEME PER MONTERIGGIONI” – Associazione di promozione culturale, sociale e politica con sede legale provvisoria in Monteriggioni (SI), Via Uopini 57, più avanti denominata per brevità “Associazione”.

 

 

ARTICOLO 2

1. L’associazione è promossa da cittadini interessati alla realtà culturale, sociale e politica del nostro territorio.

2. L’Associazione promuove, nelle persone dei propri associati, il confronto, la formazione, e la crescita di una cultura sociale e politica, finalizzata alla preparazione di una classe dirigente qualificata per amministrare il Comune.

3. L’Associazione è senza finalità di lucro e per realizzare i propri scopi si propone di promuovere e sostenere attività ricreative, culturali e sociali, attraverso l’impegno volontario dei propri associati.

4. L’Associazione ha finalità sociali e politiche, per adempiere alle quali potrà ricorrere anche alla partecipazione alle elezioni amministrative e/o al supporto di singoli candidati.

Per attuare concretamente tali finalità istituzionali l’Associazione si propone di:

1. organizzare manifestazioni, eventi, occasioni di incontro tra i soci e quant’altro sia ritenuto necessario per favorire il legame umano e culturale tra i soci;

2. favorire ed incrementare la presenza e la partecipazione delle persone alle manifestazioni politiche culturali e ricreative del territorio;

3. promuovere la partecipazione alla vita politica e sociale attraverso incontri e manifestazioni organizzati sul territorio.

4. promuovere e sostenere ogni altra iniziativa, in proprio e/o in collaborazione con altri enti privati e/o pubblici, che sia ritenuta utile al raggiungimento degli scopi dell’Associazione.

 

ARTICOLO 3

 

Il patrimonio dell’Associazione è costituito da donazioni, lasciti ed erogazioni da parte di soggetti privati e pubblici.

Le rendite e le risorse dell’Associazione, gli eventuali utili ed avanzi di gestione, devono essere impiegati esclusivamente per la realizzazione dei suoi scopi.

Durante la vita dell’Associazione, è fatto espresso divieto di distribuzione, anche in modo indiretto, di utili o avanzi di gestioni nonché fondi, riserve o capitali, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Il patrimonio residuo dell’Associazione, in seguito a scioglimento, salvo diversa destinazione imposta dalla legge, deve inderogabilmente essere devoluto ad Associazioni con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità.

Il rendiconto economico e finanziario, per il quale redazione ed approvazione annuali hanno carattere obbligatorio, comprende l’esercizio sociale dal 1 Gennaio al 31 Dicembre di ogni anno e deve essere presentato all’Assemblea dei Soci entro il 30 Aprile successivo, tranne che per il primo esercizio che avrà durata inferiore, decorrendo dalla data di sottoscrizione del presente Statuto. Ulteriore deroga potrà essere prevista in caso di comprovata necessità o impedimento. Il rendiconto redatto dal Consiglio Direttivo dovrà essere composto da un prospetto illustrativo della situazione economica relativa all’esercizio sociale e da un documento che illustri e riassuma la situazione finanziaria dell’Associazione.

 

ARTICOLO 4

 

I soci si distinguono in: fondatori, ordinari ed onorari. Sono soci fondatori le persone che hanno sottoscritto il primo Statuto dell’Associazione. I soci ordinari devono essere presentati da un socio fondatore, o onorario.

Per essere ammesso quale socio il richiedente si impegna a mantenere una condotta ispirata e rispettosa degli scopi sopra indicati insieme ad un provato e disinteressato impegno a contribuire alla realizzazione degli scopi stessi.

I soci onorari sono nominati, con deliberazione assunta a maggioranza semplice, dal

Consiglio Direttivo per particolari benemerenze e a giudizio insindacabile del consiglio, ed a loro si applicano i diritti previsti per i soci fondatori.

Lo status di socio onorario perdura sino ad esplicita revoca dello stesso attraverso decisione motivata dal Consiglio direttivo effettuata attraverso apposita deliberazione assunta a maggioranza semplice.

 

ARTICOLO 5

 

Sono organi statutari dell’Associazione:

 

- L’Assemblea dei soci

- Il Consiglio Direttivo

- La Presidenza

- Il Tesoriere

 

Tutte le cariche sono a titolo gratuito, hanno una durata di tre anni e possono essere riconfermate. Nel caso in cui un componente del Consiglio sia assente ingiustificato per 3 volte consecutive, decade dall’incarico con ratifica adottata a maggioranza semplice dal

Consiglio Direttivo.

 

ARTICOLO 6

 

L’ Assemblea dei soci, costituita dagli associati, è convocata in via ordinaria dal Presidente una volta l’anno entro il 30 di Aprile.

La convocazione, riportante l’ordine del giorno deve essere pubblicata almeno 15 giorni prima di quello fissato per l’adunanza, mediante lettera semplice e/o tramite e-mail e/o mediante avviso affisso nei locali della sede o pubblicato attraverso il sito internet o il profilo ufficiale dell’associazione sui social network più diffusi. L’assemblea in prima convocazione è valida con la partecipazione dei 2/3 degli aventi diritto. In seconda convocazione è valida qualunque sia il numero dei presenti.

E’ presieduta dal Presidente che nomina un segretario per la redazione del verbale. Le delibere sono adottate a maggioranza semplice dei presenti. Le delibere attinenti la modifica dello Statuto e l’alienazione di beni immobili sono adottate dall’assemblea straordinaria, convocata con lo stesso rito dell’assemblea ordinaria.

L’assemblea ordinaria e straordinaria possono essere convocate in qualsiasi momento su richiesta scritta e motivata indirizzata al Presidente da 1/3 dei soci.

 

All’ Assemblea dei soci spettano i seguenti compiti:

 

1. definire le linee generali dell’Associazione in armonia e secondo le finalità riportate

all’Art. 2;

2. approvare il rendiconto preventivo e consuntivo;

3. eleggere i componenti del Consiglio Direttivo i cui nominativi dovranno essere scelti tra gli elenchi dei soci fondatori e, se nominati, dai soci onorari.

 

 

ARTICOLO 7

 

Il Consiglio Direttivo, di cui fa parte di diritto il Presidente e l’eventuale Vice Presidente, è composto da 5 a 50 membri.

 

Spetta al Consiglio:

 

1. eleggere il Presidente e Vice Presidente, i cui nominativi dovranno essere scelti tra i membri del Consiglio stesso;

2. assumere tutte le iniziative e le decisioni utili al perseguimento delle finalità sociali nell’ambito delle direttive stabilite dall’assemblea;

3. deliberare a maggioranza dei componenti l’ammissione di nuovi soci onorari e l’eventuale sospensione od espulsione dei medesimi;

4. eleggere, a maggioranza dei suoi componenti il Tesoriere;

5. nominare un eventuale segretario indicandone compiti e mansioni;

6. predisporre il bilancio preventivo e il consuntivo da sottoporre all’approvazione

dell’Assemblea;

7. cooptare, a maggioranza altri soci in sostituzione di eventuali dimissionari da cariche sociali;

8. deliberare gli atti di carattere patrimoniale e finanziario necessari e conseguenti alle esigenze organizzative ed operative dell’Associazione;

9. deliberare l’importo della quota associativa, ad esclusione di quella dei soci fondatori indicata in euro 30,00, che comunque rimane a rinnovo automatico salvo differente deliberazione o disdetta preventiva da parte del singolo socio.

10. approvare, se necessario, e modificare, a maggioranza qualificata dei suoi componenti, un regolamento operativo relativamente ai vari compiti degli organismi sociali;

Il Consiglio si riunisce, in via ordinaria, su convocazione del Presidente riportante gli argomenti all’ordine del giorno. Le riunioni sono valide purché siano presenti almeno la metà più uno dei suoi membri. Un terzo di consiglieri in carica può chiedere al Presidente in qualunque momento la convocazione del Consiglio, indicando gli argomenti da sottoporre alla discussione.

Il Consiglio assume le proprie deliberazioni a maggioranza dei presenti con voto palese, salvo le eccezioni previste da questo statuto. In caso di parità prevale il voto del

Presidente. Delle riunioni del Consiglio Direttivo si provvederà a redigere apposito verbale da parte del segretario e che, una volta approvato, verrà conservato agli atti dell’Associazione.

 

 

 

 

ARTICOLO 8

 

La Presidenza è costituita dal Presidente e, se eletto dal Vice Presidente.

Al Presidente spetta la rappresentanza legale dell’Associazione e tutti i compiti stabiliti dal vigente statuto; in caso di sua assenza o impedimento viene sostituito dal Vice

 

ARTICOLO 9

 

Il Tesoriere ha i seguenti compiti:

 

1. tenere aggiornato l’archivio dei soci, provvedere all’amministrazione generale ed alla tenuta della contabilità dell’Associazione;

2. incassare le quote dei soci e tutte le altre entrate;

3. provvedere, previa delibera del Consiglio Direttivo, ai pagamenti, all’apertura dei conti correnti e libretti, movimentando gli stessi nei limiti delle disponibilità. Per tutte le operazioni di prelievo opera a firma congiunta col Presidente, o con un Vice

Presidente, o con un Consigliere nominato ad hoc dal Consiglio;

4. espletare tutte le pratiche necessarie per richieste di eventuali contributi a Banche,

Fondazioni ed altre istituzioni e/o enti pubblici o privati;

5. predisporre la relazione al bilancio consuntivo da rappresentare all’annuale

Assemblea dei soci.

 

ARTICOLO 10

 

Lo statuto è modificabile con la presenza in proprio o per delega dei due terzi dei soci

dell’Associazione e con voto favorevole della maggioranza dei presenti in proprio o per delega. Ogni modifica o aggiunta non potrà essere in contrasto con gli scopi sociali e con le leggi vigenti.

 

ARTICOLO 11

 

Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno i tre quarti degli associati presenti all’assemblea straordinaria.

L’assemblea che delibera lo scioglimento dell’associazione nomina uno o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione stessa. La devoluzione del patrimonio sarà effettuata in favore di associazioni con finalità similari o donati ad istituzioni con fini sociali e/o umanitari.

 

ARTICOLO 12

 

Per tutto ciò che non è espressamente previsto si applicano le disposizioni contenute nel codice civile e nelle leggi vigenti in materia.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Purwokerto Ghost